Cerca
  • Del Briciola

Il Giusto Allevatore

Un gatto per essere definito di razza deve sempre essere accompagnato da un Certificato Genealogico, o Pedigree, rilasciato da un Club o da una Associazione ufficialmente riconosciuti. Un gatto senza Pedigree... è sempre considerato un gatto meticcio. Questo anche se l'allevatore afferma che è di razza pura: senza Pedigree rimane un gatto meticcio. In questa categoria possiamo trovare di tutto, da micetti con genitori sconosciuti a gatti risultato di incroci, a gatti figli di genitori con Pedigree, ma che per svariati motivi non dovevano riprodursi. 


La tipica motivazione addotta per non rilasciare il Pedigree a un gatto è perché il prezzo del documento è molto elevato. Questo è del tutto privo di fondamento dal momento che richiedere il Pedigree costa tra i 10 e i 20€, a seconda dell'Associazione che lo rilascia. Ovviamente per poter registrare i cuccioli l'allevatore deve seguire le regole imposte dall'Associazione... è forse questo che lo “scucciolatore” non vuole fare? ​ Sia che si decida di adottare un trovatello sia che si opti per l'acquisto di un gatto di razza, il consiglio è lo stesso: tutti i gatti hanno lo stesso valore, come esseri viventi e come animali domestici, e quindi la stessa identica cura deve essere data a entrambi. Ogni gatto deve essere vaccinato, seguito da un veterinario e deve rimanere con la mamma sino all'età di almeno 12 settimane.  Alcune Associazioni permettono la registrazione dei gatti meticci e rilasciano un certificato come "gatto di casa". Questi mici possono anche partecipare alle esposizioni feline nella categoria a loro dedicata, purché siano sani, vaccinati e sterilizzati se hanno più di otto mesi (in TICA) o dieci mesi (in FIFE). ​ Gatto di razza: trovare l’allevatore giusto Il solo fatto che un allevatore sia membro di un’Associazione Felina non garantisce che sia un buon allevatore. Come riconoscere quindi un buon allevatore? ​ Il primo suggerimento è di contattare più allevatori, fare domande e chiedere consigli. Chi vi dà l’impressione di sapere cosa sta facendo? Chi vi sembra disposto ad aiutarvi nella ricerca e chi invece è interessato unicamente a vendervi uno dei propri gattini? Se è interessato ad aiutarvi a trovare l’allevamento giusto, è molto probabile che sarà anche disponibile ad aiutarvi in caso di problemi con il micio quando già lo avrete a casa. L'allevatore sta indagando per capire se la vostra casa è adatta ad accogliere di un cucciolo? Non è sintomo di sfiducia, ma significa che ci tiene ai suoi gatti... in altre parole, è un buon segno. ​ Quando avete trovato uno o più allevatori che vi sono sembrati bravi e competenti, allora è giunto il momento di visitare i loro allevamenti. Nel pianificare le visite tenete a mente che le malattie contagiose possono essere facilmente trasportate da un allevamento all'altro, anche se i gatti presenti sembrano decisamente sani: è meglio quindi evitare di programmare visite ad allevamenti differenti nell'arco dello stesso giorno. ​ La visita agli allevamenti ​ Come dice il proverbio la prima impressione è spesso quella giusta; i pensieri che vi passano per la testa al momento dell'accoglienza sono quelli che dovreste ricordare. Provate a soffermarvi su come si comportano i gatti in casa. Si avvicinano e salutano o scappano e si nascondono? Sembrano spaventati, aggressivi o sono curiosi, calmi e sereni? Sembrano sani e vigili? Che aspetto ha mamma gatta? Se ha avuto una cucciolata numerosa è frequente che sia un po' magra, ma una micia che ha avuto 3-4 gattini non dovrebbe esserlo eccessivamente. A quali parti della casa hanno accesso i gatti? Sembra che siano abituati a stare nella stanza in cui li vedete oppure sono intenti a esplorarla come se non la conoscessero? Si possono notare delle differenze nel loro comportamento se si trovano in una zona familiare o in una che non sono soliti frequentare. Indipendentemente da questo alcuni gatti potrebbero essere nervosi e spaventati, e cercare un luogo "sicuro"; altri potrebbero essere audaci e curiosi: la loro reazione dipende in parte dal loro temperamento e in parte dalla socializzazione. ​ Non abbiate paura di porre domande. Chiedete ciò che volete sul comportamento dei gatti adulti, scoprite quanto spazio hanno a disposizione per muoversi e quanti ce ne sono. Guardatevi intorno e osservate le strutture a loro dedicate, come i tiragraffi, le zone di riposo o i giocattoli. Fate attenzione anche allo standard igienico: c'è odore di gatto? Se c'è un maschio intero nel gruppo non è infrequente sentirne l'odore, ma questo non significa che la casa debba puzzare. Generalmente è abbastanza semplice identificare l'odore "vecchio e radicato": molto probabilmente questa è la prima cosa a cui reagirà il vostro olfatto quando entrerete in casa. Dovreste anche fare attenzione al numero di lettiere in funzione del numero di gatti. Date inoltre un'occhiata alle ciotole per cibo e acqua. Se tutto è bello e pulito il rischio di diffusione di infezioni e malattie sarà notevolmente ridotto. ​ Scegliete di acquistare il vostro gatto da un allevatore esperto con gatti sani, una persona con cui sentite di avere un buon feeling e che è interessato a voi, al cucciolo e alla vita che farete insieme. ​ Assolutamente da NON fare ​ Non acquistate mai un gattino da un cattivo allevatore per pietà nei confronti del piccolo! Se è vero che "salverete" quel micetto contemporaneamente incoraggerete “l'allevatore” ad avere altre cucciolate. E questo porterà ulteriori sofferenze ai suoi riproduttori e ai futuri cuccioli... Piuttosto, se visitate un allevamento in cui i gatti vivono in cattive condizioni, informate l’Associazione di cui l'allevatore è membro e/o il responsabile della protezione animali di zona, in modo che possano intraprendere il giusto percorso per la tutela dei mici.




Tratto dal Maine Coon Cat Club

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'adozione